Musica Sacra

Mariano Garau

La musica sacra apprezzata nel mondo
Ansa News

 

Mariano Garau

I suoi spartiti sono apprezzati in tutto il mondo. Mariano Garau, compositore di Iglesias, classe 1952, la notorietà l’ha raggiunta in Italia e all’estero. Ma in terra sarda non è l’ennesimo profeta.
Le sue composizioni di musica corale sacra sono richieste ed eseguite nelle Cattedrali e Basiliche di Stati Uniti, Olanda, Ungheria, Spagna, Repubblica Ceca, Brasile, Francia, Germania, Argentina, Irlanda, Australia, Canada, Austria e Belgio. Qualche esempio? Ave Verum è stato interpretato dal coro giapponese Vox Gaudiosa, Stabat Mater inciso dal Coro Polacco “Pueri cantores Sancte Nicolai”. Nell’ultima incisione del quartetto olandese “Vocaal kwartet Quartz” sono stati inseriti otto suoi brani.
“La mia grande soddisfazione è stata realizzare un’opera su un personaggio che mi sta molto a cuore, Ildegarda di Bingen – sottolinea Garau – a questa straordinaria figura di monaca benedettina anticonformista e di grande cultura ho dedicato la cantata Hildegard Bambina Mistica”, che è stata rappresentata ad Assisi nel 2015 in prima mondiale nello splendido scenario della Porziuncola di San Francesco, Basilica di Santa Maria degli Angeli.
L’opera su libretto di Karen Saillant, direttore artistico dell’International Opera Theater di Philadelphia, protagoniste le voci bianche dell’International Opera Theater dirette da Saillant e la voce del soprano Agnese Pazienti, è andata in scena anche all’Opera Theater di Philadelphia, negli Stati Uniti. “L’esperienza di Assisi e Philadelphia sono un grande sogno realizzato”, racconta commosso.
Compositore, autore di romanze per soprano, tenore, canti per bambini, messe e mottetti per coro, il nome di Mariano Garau negli ambienti della musica sacra gode di grande attenzione e stima e le sue composizioni sono apprezzate e richieste. Tante gratificazioni, ma resta un desiderio: “La soddisfazione di vedere i miei pezzi rappresentati anche nella mia terra, in Sardegna”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *