Inno Sardo Fortza Paris

INNO SARDO “FORTZA PARIS”


Inno “nazionale”

Un inno nazionale è solitamente un significativo componimento poetico accompagnato alla musica; dedicato alla patria e all’esaltazione-rafforzamento degli ideali identitari nazionali che riflettono storia, cultura, valori e caratteristiche fondamentali di un popolo.

L’inno rappresenta un alto momento di unità nazionale ed ha la funzione, come e al pari della bandiera, di stimolare “il senso di identità collettiva di un popolo” e richiamare l’idea di Nazione.

Gli inni vengono eseguiti nei momenti celebrativi ufficiali e più solenni della vita collettiva di una Nazione: durante gli incontri tra Capi di Stato e di Governo; in ricordo dei Caduti a difesa della Nazione; per gemellaggi tra comunità di diverse Nazioni o in occasione di manifestazioni sportive internazionali.

Anche per la “mancata” Natzione de Sardigna sono stati scritti alcuni inni, in diversi e particolari momenti storici, che rappresentano tutt’ora delle importanti pagine di letteratura e di idealità (es.: Cunservet Deus su Re!, di Vittorio Angius e Su patriotu sardu a sos feudatàrios – Barones sa tirannia dell’ozierese Francesco Ignazio Mannu). Alcuni anni fa avevamo apprezzato l’originale composizione Pàtria amada di Benito Saba, opera premiata nell’edizione 2009 dell’Ozieri, mentre ora si concretizza la pubblicazione in CD della lirica Fortza Paris! (S’Innu de sa Natzione) di Mario Puddu che ha il “seme”, oltre l’auspicio, per diventare l’inno di tutti i sardi.

L’opera, che verrà presentata ufficialmente il 13 aprile 2013 al Cineteatro di Sardara, è nata dal sinergico impegno artistico tra l’autore del testo Mario Puddu e il M° Mariano Garau di Iglesias, che ne ha composto la musica.

L’esecuzione musicale è affidata alla Banda Musicale “Ennio Porrino” di Arbus, diretta dal M° Giovanni Foddai, mentre per la parte vocale contribuiscono il Coro di Iglesias, diretto da Mariano Garau, il Coro Polifonico “Città di Sanluri”, diretto da Antonio Pittau e il Coro Polifonico “San Sebastiano Martire” di Arbus, diretto da Anna Maria Dessì.

Mario Puddu, nativo di Illorai e residente a San Giovanni Suergiu, è autore del romanzo Alivertu, della raccolta lirica Pro chi libbera torres e sias!, del Ditzionàriu de sa limba e de sa cultura sarda e della Grammàtica de sa limba sarda, tutte opere pubblicate per l’Editore Condaghes. (08-03-2013)

Boxis…

Gavinu Spiga, Villamassàrgia: «S’innu chi appu copiadu po dhu porrere liggere tottus, deppo faghere copias de dare a sa gente. Deppo cunvinzere sa zente ca custu innu BELLISSIMU esti scrittu po amori de sa Sardigna e no po amori de niunu partidu.»

Tonina e Luciano Locci, San Gavino: «Il 13 apr. ho partecipato e sono contenta per averlo fatto, è stato bellissimo. Complimenti a tutti. L’inno è immenso, la musica è profonda e l’ascolto continuo mi fa apprezzare sempre di più il Vostro bellissimo lavoro. Un saluto a tutti!»

Davide Casu, Salighera: «Appo intesu s’innu de sa natzione, e sa lirica m’est piaghida meda mancari pro sa musica ia cherrer a l’aiscultare torra prus che una ‘olta ebbia.»

Salvatore Loi, Teulada: «Seu prexau di essi andau a sa presentada de Sàrdara. Genti meda chi cantada strantaxa e cun gana non si bidi a donnia contonada. S’innu speru chi fatzada strada, su traballu est de fai in is scolas e is autoridadis. Is fueddus funti prenus de umanidadi. Chi Deus s’aggiudidi. Complimenti per il bel lavoro.»

Tonino Uda de Illorai: «Hapo intesu s’innu in internet e ti fatto sos complimentos pro su testu e pro sa “orchestrazione” chi lu rendet “importante” comente devet essere.»

Giovanna Dessí: « Stimau Mario, apu intèndiu s’innu in you tube e est bellu meda. Inorabonas a tui e a is atrus!»

Titinu Fois de Noragugume: «La presentazione dell’inno “Fortza paris!” è stata un’occasione meravigliosa per me e per gli amici, che mi hanno fatto compagnia. Con lo stereo ho sentito più volte l’inno anche con mia moglie Vanna: è veramente bello, secondo noi, sia come testo sia come interpretazione musicale. L’augurio per tutti noi è che diventi l’inno di tutti i Sardi.»

Giginu Deidda, Samugheo: «Mariu appo arreciu su cd de s’innu e m’est prachiu meda. Grazias po su bellu presente.»

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi